2009
10 maggio 2018
2007
10 maggio 2018

Magma 2008 - settima edizione

La settima edizione di Magma si sviluppa nell’arco di quella che la Scarti ha scelto di chiamare la Settimana del Cinema breve.
Da lunedì 8 a domenica 14 settembre 2008 Acireale è protagonista di molteplici eventi tutti legati al cortometraggio. Si apre con la presentazione di due nuove pubblicazioni di carattere cinematografico dagli scritti di Lorenzo Vecchio; si prosegue con la seconda edizione di Giro Giro Corto, il festival dedicato ai cortometraggi realizzati da ragazzi (due le categorie: junior e ragazzi) e premiati dalla giuria popolare formata dal vasto pubblico intervenuto; quest’anno la mostra di cinema piccolo ha contato in preselezione più di 50 opere provenienti da tutta Italia.
La seconda parte della Settimana procede con i consueti quattro giorni di concorso internazionale, stavolta accompagnati da diverse novità. I corti giunti in selezione sono 680, gli spettatori intervenuti più di 1500, gli ospiti nazionali e stranieri 16.
La giuria del concorso è di carattere internazionale a partire dal presidente, il cortista olandese di animazione Gerrit van Dijk (Orso d’oro a Berlino nel 1989 e 1998, a cui è dedicata la retrospettiva di tre giorni I move so I am: l’arte di Gerrit Van Dijk), accompagnato dalla moglie Cilia van Dijk (produttrice di corti e vincitrice del premio Oscar per il miglior cortometraggio nel 1985); li affiancano lo sceneggiatore Francesco Bruni (Ovosodo, Caterina va in città e tutti gli altri film del regista Paolo Virzì; La parola amore esiste; Nati stanchi; la serie TV de Il Commissario Montalbano), l’attrice Isabella Ragonese (Tutta la vita davanti, Nuovomondo) e la direttrice di produzione del Centro di Cinematografia Marocchino Saloua Zouiten. Il Premio Lorenzo Vecchio viene assegnato al documentario indiano Three of us del regista Umesh Kulkarni.
Nei quattro giorni del concorso si svolge parallelamente anche la sezione di gemellaggi internazionali Ponti. Nello spazio coperto del pub Bambuddha tre video-cene accompagnano la proiezione delle selezioni di corti dal Festival del Cortometraggio Mediterraneo di Tangeri (Marocco), dall’Internationales Videofestival Bochum (Germania) e dal progetto di poesie in video di Comma Film (Gran Bretagna), presentate dai rispettivi rappresentanti. Ogni notte al termine delle proiezioni, sempre al Bambuddha, tutto il pubblico partecipa ai video lounge con proiezioni di opere di videoarte. Oltre a questo, tavole rotonde, concerti e video-party.
Questi i cortometraggi dell'edizione:

Narrativi

A glass of soda water, Adriana Yurcovich
Alles bleibt in der Familie, Chris Caliman
Anni: 30, Luciano Melchionna
Diente por ojo, Eivind Holmboe
Gehrig kommt!, Marc Schippert
Harragas, Grégory Lecocq
I am Gay, Nicolas Kolovos
Las horas muertas, Haritz Zubillaga
Radio Kebrle, Zdenìk Durdil
Stagman, Virginie Gourmel
Traumatologìa, Daniel Sànchez Arévalo
Unsere Grenzen (The Limits), Thomas Adamicka
Valuri, Adrian Sitaru

Animazioni

Berni's doll, Jann J
Curse of the Remote Island, Chrzu Lindström
Dog days, Geoffroy de Crecy
La memoria dei cani, Simone Massi
Qualcosa di mai visto, Astutillo Smeriglia
Revolt of the Mouses, David Alejandro Gen
Tadeo Jones y el sòtano maldito, Enrique Gato
The tale of how, The Blackheart Gang
Too Late for Tears, Pablo Polledri

Documentari

Loucos de Futebol (Beyond Soccer), Halder Gomes
Pare, mire, escuche, Jose Luis Marqués
Three of us, Umesh Kulkarni
Zietek, Bartosz Blaschke

Sperimentali

Back to the Humanity, Seppo Renvall
Dialogos, Ülo Pikkov
Flashback al revòs, Chema Garcöa Ibarra
For a better world, Barbara Hlali
HEZURBELTZAK, una fosa com´n, Izibene Oñederra
Nachttanke, Christian Schleisiek
Raymond, BIF (Fabrice Le Nezet, Francois Roisin, Jules Janaud)
Record of Labor, Mika J. Ripatti
Silken, Yann Bertrand & Damien Serban
Under construction, Liu Zhenchen

Fuori Concorso

A piedi nudi sul palco, Andrea Rovetta
Creeping Thirst, David Pope
Ein Abend auBer Haus, Markus Beck
Madrid-Mosc, Javier San Romàn
The Dildo - fantastic plastic, Ulrika Rang
When it's time it's time, Fred Ménier